REGOLAMENTO PER IL SOSTEGNO ECONOMICO ALLA FORMAZIONE ED AGLI STUDI DEI SOCI DEL CRAL TEP ED AI LORO FIGLI

1) DIRITTO AI CONTRIBUTI

A) I contributi scolastici vengono erogati dal Cral TEP come forma di sostegno economico alla formazione ed agli studi dei figli ed inoltre a quei Soci che intendono continuare gli studi, con le modalità sotto precisate , a seconda della scuola frequentata e nella misura stabilita anno per anno dal Consiglio del Cral; B) Possono richiedere il contributo i dipendenti delle Aziende che concorrono economicamente al sostentamento del Circolo Cral TEP; nella fattispecie ai dipendenti in servizio del gruppo aziendale TEP ed ai soli iscritti al Cral TEP dipendenti in servizio di Infomobility e di S.M.T.P.; C) Se i genitori del figlio per il quale s’intende richiedere il contributo risultano essere entrambi soci del Cral, spetterà loro ricevere un solo contributo richiesto; D) Si considerano aventi diritto a richiedere il contributo i dipendenti con almeno un anno anzianità di servizio al 1° di settembre di ogni anno scolastico. E) Per tutte le scuole, asili e materne compresi (escluso università) si può richiedere l’erogazione del contributo per il solo anno scolastico corrente, dietro presentazione della relativa documentazione, tassativamente entro il termine stabilito ogni anno dal Cral.

2) SCUOLE MATERNE ED ASILO NIDO

Per le scuole materne ed asilo nido occorre presentare ogni anno l’autocertificazione di iscrizione.

3) SCUOLE ELEMENTARI E MEDIE (Scuole dell’obbligo)

Si deve compilare l’autocertificazione di iscrizione alla scuola per la prima volta. Il contributo verrà poi assegnato d’ufficio per la durata delle scuole dell’obbligo.

4) MEDIE SUPERIORI

Per il 1° anno serve portare il certificato d’iscrizione rilasciato dall’Istituto ed allegare un’autocertificazione (reperibile presso la segreteria Cral) attestante che il figlio è fiscalmente a carico dei genitori. Per gli anni successivi basta (ma è indispensabile) compilare l’autocertificazione, (sempre reperibile presso la segreteria) attestante che lo studente non è ripetente e non lavora. In caso di iscrizione di più anni in uno, il contributo verrà erogato per un solo anno anche nel caso si cambi istituto.

5) UNIVERSITA’

Per ottenere il contributo previsto per gli studi universitari occorre produrre la seguente documentazione: A) L’autocertificazione attestante che il/la figlio/a , nei dodici mesi precedenti la richiesta del contributo, è fiscalmente a proprio carico non avendo svolto in modo continuativo un’attività lavorativa retribuita, specificando inoltre l’anno di corso per il quale si richiede il contributo. B) Il piano studi per l’anno di cui si richiede il contributo ed attestazione degli esami sostenuti e rilasciati dall’università, dai quali si possa desumere chiaramente ed inequivocabilmente che il/la figlio/a ha sostenuto con esito positivo (avendo cura di evidenziarli) almeno il 75% degli esami richiesti. Il conteggio viene fatto anno per anno, non è possibile cumulare gli esami di più anni.

Con riferimento alle autocertificazioni, il Cral si riserva di accertare la veridicità di quanto dichiarato richiedendo, a campione, la normale certificazione. Nell’anno del suo collocamento in quiescenza, al socio potrà essere riconosciuto il diritto al contributo per il figlio universitario secondo le regole generali, fatto salvo che saranno considerati utili ai fini del raggiungimento della percentuale di esami (75% di quelli indicati nel piano di studi) solo ed esclusivamente quelli sostenuti e superati entro la data di collocamento in quiescenza.

CONSEGNA DELLA DOCUMENTAZIONE

Tutti i certificati di cui sopra debbono essere consegnati in segreteria o ai consiglieri del Cral iniziando dal 1° ottobre entro e non oltre il termine stabilito anno per anno dal Cral. I certificati consegnati in ritardo saranno annullati. Qualora una richiesta di contributo venga respinta, la decisione motivata dovrà essere comunicata al socio per iscritto dall’incaricato del Cral.

VALORE ECONOMICO DEI CONTRIBUTI SCOLASTICI

Scuola frequentata Soci Non soci

I contributi scolastici sono fissati come da tabella Nido / Materna 25,00 a destra. Elementare 25,00 Medie inferiori 45,00 13,00 Medie superiori 80,00 21,00 Università 160,00 52,00 I contributi per i corsi di attività sportiva per i figli al di sotto di 12 anni sono fissati in 16,00 euro.

CONTRIBUTI PER ATTIVITA’ SPORTIVE

I Soci del cral Tep, con le caratteristiche previste dal suddetto regolamento all’art.1 comma B), con bambini al di sotto dei 12 anni che hanno frequentato corsi di attività sportiva, possono, a fronte della presentazione di una ricevuta dell’importo pagato su carta intestata della Società organizzatrice, richiedere il contributo per tali corsi nella misura stabilita anno per anno dal Consiglio del Cral. Per i figli che non frequentano ancora la scuola e pertanto non sono ancora registrati presso la segreteria del Cral, si deve fornire anche la data di nascita e nome del genitore dipendente.

CORSI DI LINGUE ESTERE

Ai soci in servizio ed ai loro figli a carico che frequentino corsi di lingue, verrà dato un contributo di 52,00 euro, a fine corso, dietro presentazione del certificato di iscrizione e frequenza oltre ad un documento in cui sia evidenziato che si tratta di un corso a pagamento. Qualora una richiesta di rimborso venga respinta, la decisione motivata dovrà essere comunicata al socio per iscritto.

BORSA DI STUDIO PER SOCI STUDENTI

Al Socio in servizio che consegue il diploma di maturità viene dato un contributo di 259,00 euro; Al Socio in servizio che consegue il diploma di laurea breve (3 anni), viene dato un contributo pari a 312,00 euro; Al Socio in servizio che consegue la laurea superiore anni 3, viene dato un contributo pari a 517,00 euro. Di ogni contributo (diploma, laurea breve, laurea ) si può usufruire una sola volta. Il contributo per i Soci lavoratori spetta nella misura intera solo se gli anni di servizio in azienda sono almeno pari a quelli di durata del corso di diploma o di laurea. In caso contrario il contributo spetta in misura ridotta, calcolata dividendo il contributo stesso per gli anni di durata del corso e moltiplicando il risultato per il numero di anni di servizio. Le frazioni d’anno valgono come anno intero. Qualora una richiesta di rimborso venga respinta, la decisione motivata dovrà essere comunicata al socio per iscritto.